La nostra gamma Gin

Come molte invenzioni, il gin deve la sua creazione a un'idea originariamente destinata a servire a uno scopo completamente diverso. L'emozionante storia del gin inizia in un laboratorio nella città olandese di Leida.

Per saperne di più

  • INDOGGO di Snoop Dogg

    Prezzo di listino CHF 59.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 59.00
    INDOGGO di Snoop Dogg
  • Etter Blue Gin

    Prezzo di listino CHF 50.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 50.00
    Etter Gin
  • Ki No tè

    Prezzo di listino CHF 50.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 50.00
    Ki No Tea
    Esaurito
  • Tanqueray Old Tom Gin

    Prezzo di listino CHF 69.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 69.00
    Tanqueray Old Tom Gin
    Esaurito
  • Monkey 47 Gin della Foresta Nera

    Prezzo di listino CHF 98.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 98.00
    Monkey 47 Schwarzwald Gin
    Esaurito
  • Tanqueray Rangpur Lime Gin

    Prezzo di listino CHF 25.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 25.00
    Tanqueray Rangpur Lime Gin
  • Gin Waterloo

    Prezzo di listino CHF 35.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 35.00
    Waterloo Gin
  • Tanqueray Malacca Gin

    Prezzo di listino CHF 49.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 49.00
    Tanqueray Malacca Gin
  • Etter Violet Gin

    Prezzo di listino CHF 50.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 50.00
    Etter Violet Gin
  • Gin Rammstein

    Prezzo di listino CHF 39.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 39.00
    Rammstein Gin
  • Bombay Stella di Bombay

    Prezzo di listino CHF 59.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 59.00
    Bombay Star of Bombay
  • Bombay Zaffiro Est

    Prezzo di listino CHF 35.00
    Prezzo di listino Prezzo di vendita CHF 35.00
    Bombay Sapphire East

Come molte invenzioni, il gin deve la sua creazione a un'idea originariamente destinata a servire a uno scopo completamente diverso. L'emozionante storia del gin inizia in un laboratorio nella città olandese di Leida.

Dalla medicina alla bevanda di tendenza: la storia del gin

A metà del XVII secolo, il medico tedesco Franciscus Sylvius, esercitando in Olanda, cercò di sviluppare una medicina per le malattie dello stomaco, i calcoli renali e le coliche. Distillava anche bacche di ginepro. La grappa piccante al ginepro, che si può dire abbia un effetto curativo o calmante limitato, si trasformò presto in una "bevanda alla moda" tra la popolazione. I pazienti trattati trovarono il distillato di spezie così buono che il medico si trovò di fronte ad un bisogno sempre crescente di questa “medicina”. Il Genever (o Jenever, olandese per ginepro, derivato dal nome botanico Juniperus) divenne un vino ricercato, così Sylvius presto commissionò distillerie professionali per aiutarlo nella produzione. È iniziata la produzione commerciale per il mercato non farmaceutico.

Gli indaffarati marinai olandesi fecero sì che Genever diventasse noto oltre i confini olandesi. I soldati inglesi che combatterono a fianco degli olandesi nella guerra olandese-spagnola (1568-1648) portarono il brandy di ginepro nelle isole britanniche, dove gli fu dato il nome gin (abbreviato da genever). A metà del XVII secolo vivevano a Londra circa 5.000 olandesi, il che diffuse ulteriormente la bevanda.

Quando Guglielmo d’Orange divenne co-reggente in Inghilterra alla fine del XVII secolo, la tolleranza verso il cattolicesimo e i paesi cattolici finì. Sotto il regno del nuovo sovrano, l'importazione di brandy francese fu vietata e furono imposte tasse elevate sulla birra tedesca e sui vini francesi e spagnoli. Il gin prodotto nel paese divenne la bevanda alcolica più economica e anche le persone più povere potevano permettersi la grappa al ginepro. La regina Anna, che subentrò dopo la morte di William nel 1702, permise a qualsiasi inglese di produrre gin. Ciò portò alla produzione illimitata di alcol in quasi tutte le famiglie inglesi. È stato registrato nel 1727 che sei milioni di inglesi consumavano 22.730.460 litri di gin all'anno.

Tuttavia, questo consumo di massa si trasformò in un problema che non poteva più essere ignorato, e sempre più alcol di scarsa qualità invasero il mercato. I politici reagirono nel 1736 con il primo cosiddetto “Gin Act”. La produzione senza licenza e la vendita di prodotti domestici furono vietate. La quantità minima di acquisto era fissata a circa nove litri, in modo che solo i ricchi inglesi potessero permettersi il gin. Inoltre le distillerie dovevano pagare una tassa annuale speciale di 50 sterline, che solo pochi distillatori potevano permettersi. Il "Fifty Pounds Gin" è un marchio disponibile ancora oggi. Il nome ricorda la tassa speciale che attualmente veniva imposta alle distillerie.

Nonostante tutti i requisiti, il “Gin Act” non ha avuto l’effetto desiderato. Le misure si sono rivelate in gran parte inefficaci perché la composizione del gin era definita dalla legge. Era possibile aggirare le leggi apportando piccole variazioni alla ricetta. Si stima che a metà del XVIII secolo sia gli adulti che i bambini bevessero più di 0,5 litri di gin al giorno. Il risultato furono regole più severe: le licenze diventarono più economiche, ma il gin non poteva più essere venduto ai clienti finali e i controlli governativi furono ampliati. Le misure hanno avuto successo: l'ubriachezza in tutta la popolazione è stata frenata. Il gin non era più una bevanda economica, ma si trasformò in un distillato pregiato rigorosamente controllato.

Come viene prodotto il gin, cosa sono i “botanicals” e quali tipi di gin esistono?

Il gin viene distillato dal grano o dalla melassa. Il suo gusto caratteristico è dovuto all'aggiunta di spezie, in particolare ginepro e coriandolo. A seconda del produttore, per produrre il gin vengono utilizzati circa 120 ingredienti diversi, i cosiddetti botanicals. Bacche, corteccia, semi, erbe aromatiche: non ci sono quasi limiti alla fantasia di un distillatore di gin. L'esatta composizione rimane il suo segreto gelosamente custodito.

L'aroma avviene durante o dopo la distillazione. In un processo i vapori dell'alcol vengono fatti passare sulle spezie, nell'altro gli additivi galleggiano nell'alcol grezzo e vengono distillati insieme ad esso. Questo processo è conosciuto nel mondo professionale come macerazione. Se il distillato viene imbottigliato subito dopo la macerazione, il distillato viene chiamato “compound gin”. Questa è l’opzione più economica e non gode di un’ottima reputazione tra gli esperti. Se alla macerazione segue un altro ciclo di distillazione, si crea il cosiddetto "distilled gin", in cui si distinguono quattro tipologie classiche: il dry dry gin e il dry London dry gin, le versioni più dolci Old Tom e Plymouth Gin nonché come il genever olandese e lo prugnolo Gin. A rigor di termini, questi ultimi non sono considerati gin classici. La ricetta olandese del genever è fondamentalmente diversa da quella del gin; lo sloe gin è un liquore alla prugna.

Le diverse varietà sono caratterizzate dalle seguenti caratteristiche in termini di gusto:

- DRY GIN è secco e con accenti di ginepro.

- NEW WESTERN DRY GIN è una moderna interpretazione del dry gin, il ginepro passa in secondo piano a favore di altri sapori.

- LONDON DRY GIN non è una denominazione di origine, ma una ricetta secca e fortemente speziata (con un accento di ginepro).

- PLYMOUTH GIN denota l'origine. Questo gin è leggermente zuccherato.

- OLD TOM GIN è una variante leggermente zuccherata particolarmente adatta per la miscelazione di cocktail. Secondo la tradizione, il nome deriva dalle statue "gatto" che furono installate sui mattoni di alcuni pub dopo l'approvazione del Gin Act nel XVIII secolo. I passanti mettono una moneta in bocca al gatto. Il locandiere poi versava un boccale di gin in una pipa che terminava ai piedi del gatto, permettendo ai passanti di consumare di nascosto il gin.

- GENEVER è un gin dolce e aromatico che viene distillato principalmente nei Paesi Bassi.